Gruppi di Psicodramma

Il Gruppo di psicodramma è un luogo dove poter raccontarsi, confrontarsi e agire.

E' un gruppo per crescere personalmente ed affrontare le proprie preoccupazioni, i propri conflitti e riscoprire i propri sogni e desideri.

E' un gruppo dove le persone possono sperimentare e sviluppare la propria Spontaneità e Creatività.

Un gruppo di psicodramma è composto da un minimo di 4 a un massimo di 12 persone.

 

TREVISO, Vicolo Biscaro 1
Per appuntamenti telefonare a Maria Silvia Guglielmin 3485411367
Gruppo di psicodramma
Il mercoledì 19.30 21.30
Costo 30 euro a incontro + 2% di previdenza

 

SAN DONA’ DI PIAVE VE, via 13 martiri, 6
Per appuntamenti telefonare a Lucia Moretto 3382369639
Gruppo di psicodramma
Lunedì  o mercoledì 18.30 20.30
Costo 30 euro a incontro + 2% di previdenza

 

 

Psicoterapia: raccontarsi e re-inventarsi, una via per il cambiamento

La psicoterapia è un’opportunità, per tutte le persone in ricerca di un maggiore benessere e di consapevolezza di sé, trovare il modo di orientarsi meglio nella vita, talvolta molto complessa e difficile.

I sintomi (come ad esempio ansia, disturbi del sonno, crisi di panico, disturbi del comportamento alimentare, pensieri ossessivi, difficoltà di relazioni, sintomi psicosomatici….)  rappresentano una porta che ci permette di entrare in noi stessi, vedere e sentire cosa abbiamo bisogno di trasformare del nostro modo di affrontare le circostanze della vita o cambiare concretamente nelle nostre scelte.
Consideriamo il  sintomo come un linguaggio che l’organismo ha trovato per esprimere un malessere più profondo.
Lutti, crisi di coppia, separazioni, incidenti, conflitti con i figli, difficoltà di realizzazione professionale… possono essere situazioni che “obbligano” la persona ad entrare in se stessa,  scoprire i blocchi e soprattutto le enormi risorse, inesplorate e inutilizzate, farle emergere per far scorrere la vita in modo fluido e piacevole.
Intraprendere una psicoterapia vuol dire dare una direzione al percorso  di cambiamento già iniziato nel momento in cui si decide di prendere un appuntamento da uno psicoterapeuta.
Quando si è trovata la direzione nuova il sintomo scompare, ha svolto la sua funzione e non ne abbiamo più bisogno. Siamo diventati consapevoli e siamo guariti, il processo di evoluzione continua.

Un primo incontro di conoscenza permette di conoscerci e di concordare un percorso che può essere:

Consulenza individuale
Si possono programmare alcuni incontri per capire la situazione interna  e il mondo delle relazioni.
Talvolta questo può essere sufficiente per avere degli elementi che inducono il cambiamento.

Psicoterapia individuale
Oltre al colloquio, utilizziamo degli strumenti che facilitano l’accesso al mondo interno, all’inconscio, per mobilitare le energie vitali. Questi strumenti sono il disegno onirico, il sogno guidato, le visualizzazioni, l’analisi dei sogni e lo psicodramma individuale.
Avere diversi strumenti terapeutici ci permette di essere flessibili e di trovare il metodo più adatto ad ogni persona.
Gli incontri sono di 50 minuti a cadenza settimanale (anche il ritmo degli incontri e la durata sono stabiliti in base alla situazione di ognuno).

Psicoterapia di gruppo: psicodramma
Il gruppo di psicodramma si incontra una volta alla settimana in sessioni di 2 ore. Prevede una partecipazione continuativa e costante. Il numero massimo dei partecipanti è di 10 o 12 persone.
Il gruppo diventa lo spazio e l’agente terapeutico. Incontro occhi negli occhi, spontaneità, creatività, azione, telè (la capacità innata nelle persone di “captarsi” reciprocamente in modo istantaneo e in profondità) sono le parole chiave dello psicodramma.
In un ambiente protetto possiamo sperimentarci in tanti ruoli diversi, vivere momenti importanti di incontro con le persone del gruppo e momenti di incontro “speciali”, nella “semirealtà” con persone significative della nostra vita oppure con parti di noi che si concretizzano e prendono vita sulla scena psicodrammatica. Il teatro interno si svolge sulla scena dello psicodramma. Il protagonista sei tu e puoi sperimentare, modificare, vivere o rivivere, puoi dare spazio al bisogno di essere in tanti modi diversi per uscire da certi automatismi di pensiero e di azione.
Moreno, l’inventore dello psicodramma, lo definisce anche così:  raccontare storie, raccontarsi e re-inventarsi, riprodursi nella nostra mitologia, essere uno e molti nello stesso tempo, moltiplicarsi nel gioco. Per tornare ad essere più che mai se stessi. Questo è fare psicodramma.